TEAMTOYOTA4X4


Siamo felici di rivederti sul TeamToyota4x4
TEAMTOYOTA4X4
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.


- LA COMUNITÀ TOYOTA 4x4 -
 
facebookyoutubeIndiceUltime immaginiCercaRegistratiAccedi

Conquista il tuo spazio, segui la passione!


Benvenuto sul TT4x4 Forum. Registrati e accedi a servizi e convenzioni esclusive. Il TeamToyota4x4 sei tu!

Ti sei registrato nel forum TT4x4? Presentati qui

Cerca
 
 

Risultati per:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti attivi
» ricambio cruscotto
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeIeri alle 23:41 Da missile

» Grazie x avermi accettato nel gruppo
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeIeri alle 15:10 Da G5X

» Mi presento
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeLun 15 Lug 2024, 20:28 Da missile

» Michelin Latitude Cross 265/70 r16 su KDJ 95 - The story
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeLun 15 Lug 2024, 12:47 Da G5X

» hilux mi ha lasciato a piedi
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeLun 15 Lug 2024, 11:30 Da missile

» Consigli per neofita su hilux my 23
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeDom 14 Lug 2024, 17:22 Da gingerino

» Misterioso HotSpot Wi-Fi su Hilux Revo
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeDom 14 Lug 2024, 11:19 Da nickbyte

» Ciao a tutti, nuovo iscritto
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeVen 12 Lug 2024, 09:31 Da gingerino

» galleggiante benzina e pressione olio 4runner 3.0 V6
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeSab 06 Lug 2024, 10:10 Da missile

» Megazip - negozio di ricambi originali on line
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeGio 04 Lug 2024, 22:52 Da carlsonhral

» Presentazione
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeGio 04 Lug 2024, 19:19 Da G5X

» SECONDA BATTERIA SU NUOVO HILUX INVINCIBILE
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeMar 02 Lug 2024, 16:50 Da Loziorso

» HILUX N70/N80 O LAND CRUISER 78 ?
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeMar 02 Lug 2024, 15:31 Da missile

» A natale sapete cosa regalarmi
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeMar 02 Lug 2024, 14:36 Da G5X

» Acquisto RAV 4 2.2
RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeMar 02 Lug 2024, 11:21 Da ubi747

Luglio 2024
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    
CalendarioCalendario
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password

Condividi
 

 RAV4 1a serie - interessante articolo

Visualizza l'argomento precedente Visualizza l'argomento successivo Andare in basso 
AutoreMessaggio
G5X
Amministratore globale
Amministratore globale
G5X

Messaggi : 7506
Data d'iscrizione : 04.11.15

RAV4 1a serie - interessante articolo Empty
MessaggioTitolo: RAV4 1a serie - interessante articolo   RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeLun 27 Feb 2023, 18:34

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Al link immagini e testo.




Citazione :
Classic car reviews
Toyota RAV4 driven: The ideal all-weather budget classic?
by Antony Ingram

The Toyota RAV4 I drove to this year’s Hagerty Festival of the Unexceptional was something of a hit. There were people milling around it all day, peering in through the expansive windows and wedging their heads ‘twixt tyre and arch to marvel at the cleanliness beneath. An object of automotive importance it might be, having basically kicked off the crossover craze now saturating the new car market, but it somehow fits right in amongst the Acclaims and the Cavaliers.

That people seem to be sleeping on the RAV4 as a modern classic adds fuel to the fire. Aren’t all unexceptional cars slightly under-appreciated? Perhaps it’s the general ennui of enthusiasts over that proliferation of crossovers that dominate modern traffic putting them off older cars of the same breed.

How much is your car to insure? Find out in four easy steps.
Get a quote

Enthusiasts are more accepting of a Range Rover or a Willy’s Jeep, design icons of their time, but outside of the muddy world of off-roading, there’s not much appetite for old Suzuki Vitaras or SJ410s. Poor road manners have rarely been a barrier to classic ownership, but the tradeoff is usually iconic style or status, and these smaller Japanese 4x4s haven’t yet had the time to acquire either.

The RAV4, which traded some rufty-tuftiness for better on-road chops, fixes that to some degree – but also spawned that modern breed of SUV-alikes that have entirely swallowed up once-loved segments like coupés and convertibles. Praising the RAV4 then, and treating it as a beloved classic, seems a little like doing a deal with the devil.

But if you’re in the market for a low-budget, high-utility classic from the 1990s – that’ll fit in pretty well at next year’s festival – then should you be taking a look at Toyota’s genre-defining soft-roader before the market cottons on like it has with sportier Supras and MR2s?

Deal with the devil or not, the returns are far from hellish. The RAV4’s styling, particularly in three-door form and with a set of steel wheels, exudes its decade’s optimism from every surface. From the friendly face to the plastic-clad sides, tailgate-mounted spare (no rutting rhinos, that was a Suzuki thing) and the ready-for-the-beach short-wheelbase shell, the RAV4 has a genuine “lifestyle” vibe that makes the go-anywhere pretensions of modern crossovers look as shallow as the puddles you’d think twice about using them to traverse.

You can sense there was a struggle at Toyota between the designers and the suits, the former getting away with a seat fabric pattern that could only have originated in the last decade of the 20th century, the latter fighting back with rows and rows of severe-looking button blanks, chastising the original owner for opting for this GS base model.

Mirror glass is manually-adjustable in this car too (as in there aren’t even any levers; you have to get out and do the passenger side yourself), the windows are crank-operated, while at night the instruments glow so feebly it’s like trying to read a book illuminated by a candle on a neighbour’s windowsill.

But then all the controls and fixtures are Tonka-toy tough, feeling like they’d comfortably serve double this car’s 136,000 miles even if the steering wheel and gearknob have long since worn pool-ball smooth. The enormous, hard plastic door pulls don’t make great elbow rests but do feel like they could be used in boxing gloves.

Chunky B-pillars limit over-the-shoulder glances, but otherwise it has the same thin-pillar visibility as the classics we know and love. The boot space is modest and the side-hinged tailgate a nuisance in tight spots, but the rear seats tumble individually, so what it loses in flash it makes up for in utility too.

From the driver’s perch – and you do sit surprisingly high – the RAV4… isn’t that spectacular to drive. You barely get a chance to twist the key before the 2-litre, four-cylinder petrol engine whizzes into life and settles into a quiet idle, but once underway anything above 3000rpm on the rev counter is effectively redundant, thrashing away more like a sixties pushrod unit than a nineties twin-cam. The RAV’s late-arrival rivals, the Honda CR-V and Land Rover Freelander, improved considerably on its refinement.

Thankfully it delivers suitable performance over the first few thousand rpm and makes access to its performance easy through a light gearshift throw via club-like plastic lever. An occasional shunt from the various shafts beneath reminds you that all four wheels are being powered, and on a motorway cruise (70mph equates to around 3000rpm) there’s plenty of belt whine, suggesting Toyota economised on sound-deadening to achieve its 1150kg kerb weight.

That’s right, this 2-litre, four-wheel driven vehicle weighs less than a new Ford Fiesta. At 3740mm it’s around a foot shorter too, and even a touch narrower, so other than being relatively tall, the RAV4 is dinky and light enough to be little more environmentally impactful than any other ‘90s classic. It’s an easy fit in the garage, and economy figures in the mid-30mpg range are eminently achievable.

Corners? Yep, it does those, with its tyres shrieking at surprisingly low speeds, but the steering is accurate enough via a chunky four-spoke steering wheel nabbed from the Supra. It takes a few passes at a given corner to reassure yourself it’s not just going to fall over, but just treat the steering like the low-revving engine; not too much at once, and you’ll be well within its comfort zone.

The ride’s a bit knobbly, perhaps due in part to the short wheelbase. Sensibly-sidewalled tyres nevertheless take the stress out of potholed roads or rough tracks. Not that we took it any further off road than the odd grass verge to make space for traffic down narrow country lanes. It may be better suited than say, a Nissan Juke, but even when new proper off-roading was never really in the RAV4’s remit.

It’s funny to think some magazines called the RAV4 a GTI alternative back in the day, though this was the age of the Mk3 Golf so perhaps that wasn’t so far from the mark. Until other brands picked up what Toyota was putting down, there were no direct rivals to speak of; a Golf GTI was as relevant as a Jeep Wrangler. In 1995 a RAV4 GX 3dr (better equipped than this GS) was £12,899, around £700 cheaper than the GTI and a grand less than a basic Wrangler.

What’s notable is that driving the RAV4 is still a unique experience. An Austin Montego isn’t a thrill-a-minute funster either, but drive one today and it’s appealing simply for being unlike anything found in any showroom. With the earliest RAV4s approaching thirty years old, the characteristics on offer, from the noise and vibration to the visibility and feel of all the touch points are worlds away from the polished, muted experience of a modern car.


What the all-wheel drive RAV4 also gives you, as indeed do the practical cabin, the reassurance of the Toyota badge and the general ease of operation, is the option to drive it all year round, in all weathers, and for more or less any journey big or small.

For some this everyday appeal can detract from that classic car speciality of making road trips or the occasional weekend jaunt a rare pleasure. But one of the joys of modern classics, and unexceptional ones especially, is being able to use them day-in, day-out, without slicing chunks from the car’s negligible value or worrying too much about the odd parking knock or rust bubble.

You can find an early RAV4 for just a couple of grand, and it’ll certainly have a few rust bubbles (though this one is as clean as they come thanks to a full restoration by its Toyota GB owners). Buy smart, keeping an eye on MOT history, evidence of oil changes and find one that hasn’t been used too frequently off road, and it’s hard to go wrong.

In fact, it’s tough to think of another vehicle that might play the year-round classic role better than the Toyota RAV4. Interesting to look at, inexpensive to buy and run and a doddle to drive, it offers an old-car experience in some ways with modern car sensibilities in others. And as we found out at the Festival of the Unexceptional, it’s already catching the eye of plenty in the classic car community…

_________________
ex 4Runner TD 1995
ex Hilux 3.0 d4d 2011
ex Discovery 1991
Torna in alto Andare in basso
http://www.teamtoyota4x4.org
G5X
Amministratore globale
Amministratore globale
G5X

Messaggi : 7506
Data d'iscrizione : 04.11.15

RAV4 1a serie - interessante articolo Empty
MessaggioTitolo: Re: RAV4 1a serie - interessante articolo   RAV4 1a serie - interessante articolo Icon_minitimeLun 27 Feb 2023, 18:36

Tradotto con translate.

Citazione :
Recensioni di auto d'epoca
Guidato da Toyota RAV4: il classico economico ideale per tutte le stagioni?
di Antony Ingram


La Toyota RAV4 che ho guidato all'Hagerty Festival of the Unexceptional di quest'anno è stata una specie di successo. C'era gente che ci girava intorno tutto il giorno, sbirciando attraverso le ampie finestre e incuneando la testa tra la gomma e l'arco per meravigliarsi della pulizia sottostante. Potrebbe essere un oggetto di importanza automobilistica, avendo praticamente dato il via alla mania dei crossover che ora sta saturando il nuovo mercato delle auto, ma in qualche modo si inserisce perfettamente tra gli Acclaim e i Cavaliers.

Che le persone sembrino dormire sul RAV4 mentre un classico moderno aggiunge benzina sul fuoco. Tutte le auto non eccezionali non sono leggermente sottovalutate? Forse è la noia generale degli appassionati per quel proliferare di crossover che dominano il traffico moderno allontanandoli dalle auto più vecchie della stessa razza.



Gli appassionati accettano di più una Range Rover o una Willy's Jeep, icone del design del loro tempo, ma al di fuori del fangoso mondo del fuoristrada, non c'è molto appetito per le vecchie Suzuki Vitara o SJ410. Le cattive maniere stradali raramente sono state un ostacolo alla proprietà classica, ma il compromesso è solitamente uno stile o uno status iconico, e questi 4x4 giapponesi più piccoli non hanno ancora avuto il tempo di acquisire nessuno dei due.

Il RAV4, che ha scambiato un po' di rufty-tuftiness con migliori tagli su strada, lo risolve in una certa misura, ma ha anche generato quella razza moderna di SUV simili che hanno completamente inghiottito segmenti un tempo amati come coupé e decappottabili. Lodare il RAV4 quindi, e trattarlo come un amato classico, sembra un po' come fare un patto con il diavolo.

Ma se sei alla ricerca di un classico a basso budget e ad alta utilità degli anni '90 - che si adatterà abbastanza bene al festival del prossimo anno - allora dovresti dare un'occhiata al soft-roader Toyota che definisce il genere prima il mercato va avanti come ha fatto con le Supra e le MR2 più sportive?


Affronta il diavolo o no, i rendimenti sono tutt'altro che infernali. Lo stile del RAV4, in particolare nella forma a tre porte e con una serie di ruote in acciaio, trasuda l'ottimismo del suo decennio da ogni superficie. Dalla faccia amichevole ai lati rivestiti di plastica, al ricambio montato sul portellone (niente rinoceronti in calore, era una cosa Suzuki) e al guscio a passo corto pronto per la spiaggia, il RAV4 ha una vera atmosfera di "stile di vita" che fa sembrare le pretese ovunque dei crossover moderni superficiali come le pozzanghere che ci penseresti due volte prima di usarle per attraversare.

Puoi percepire che alla Toyota c'è stata una lotta tra i designer e gli abiti, i primi se la sono cavata con un modello di tessuto dei sedili che poteva aver avuto origine solo nell'ultimo decennio del 20 ° secolo, i secondi hanno reagito con file e file di severi- cercando pulsanti vuoti, rimproverando il proprietario originale per aver optato per questo modello base GS.

Anche su questa vettura il vetro dello specchietto è regolabile manualmente (visto che dentro non ci sono nemmeno le leve; devi scendere e fare da solo il lato passeggero), i finestrini si azionano a manovella, mentre di notte gli strumenti brillano così debolmente che è come cercare di leggere un libro illuminato da una candela sul davanzale di un vicino.

Ma poi tutti i controlli e le attrezzature sono tosti come un giocattolo Tonka, con la sensazione che servirebbero comodamente il doppio delle 136.000 miglia di questa macchina anche se il volante e il pomello del cambio si sono logorati da tempo come una palla da biliardo. Le enormi maniglie di plastica dura non sono un ottimo appoggio per i gomiti, ma sembrano utilizzabili nei guantoni da boxe.

I robusti montanti B limitano gli sguardi da sopra le spalle, ma per il resto ha la stessa visibilità dei montanti sottili dei classici che conosciamo e amiamo. Lo spazio del bagagliaio è modesto e il portellone incernierato lateralmente è una seccatura nei punti ristretti, ma i sedili posteriori si ribaltano individualmente, quindi ciò che perde in flash lo compensa anche in termini di utilità.


Dal posto di guida – e ti siedi sorprendentemente in alto – il RAV4… non è così spettacolare da guidare. Hai appena la possibilità di girare la chiave prima che il motore a benzina a quattro cilindri da 2 litri prenda vita e si stabilizzi in un minimo tranquillo, ma una volta in moto qualsiasi cosa sopra i 3000 giri / min sul contagiri è effettivamente ridondante, sbattendo via più come un anni Sessanta unità pushrod rispetto a una doppia camma degli anni novanta. I rivali in arrivo del RAV, la Honda CR-V e la Land Rover Freelander, sono migliorati considerevolmente nella sua raffinatezza.

Per fortuna offre prestazioni adeguate nei primi mille giri al minuto e facilita l'accesso alle sue prestazioni attraverso un leggero cambio di marcia tramite una leva di plastica simile a una mazza. Uno shunt occasionale dai vari pozzi sottostanti ti ricorda che tutte e quattro le ruote sono alimentate, e durante una crociera in autostrada (70 miglia all'ora equivalgono a circa 3000 giri/min) c'è un sacco di lamento della cinghia, suggerendo che la Toyota abbia risparmiato sull'insonorizzazione per raggiungere il suo peso a vuoto di 1150 kg.

Esatto, questo veicolo a quattro ruote motrici da 2 litri pesa meno di una nuova Ford Fiesta. A 3740 mm è anche circa un piede più corto e anche un tocco più stretto, quindi oltre ad essere relativamente alto, il RAV4 è abbastanza grazioso e leggero da avere un impatto ambientale leggermente superiore rispetto a qualsiasi altro classico degli anni '90. Si adatta facilmente al garage e le cifre economiche nella gamma media di 30 mpg sono eminentemente realizzabili.

Angoli? Sì, li fa, con le sue gomme che stridono a velocità sorprendentemente basse, ma lo sterzo è abbastanza preciso grazie a un grosso volante a quattro razze strappato dalla Supra. Ci vogliono alcuni passaggi in una determinata curva per rassicurarti che non cadrà solo, ma tratta lo sterzo come il motore a basso regime; non troppo in una volta, e sarai ben all'interno della sua zona di comfort.

La corsa è un po' nodosa, forse dovuta in parte al passo corto. Tuttavia, i pneumatici con pareti laterali sensibili eliminano lo stress da strade piene di buche o piste sconnesse. Non che l'abbiamo portato più fuori strada dello strano ciglio erboso per fare spazio al traffico lungo le strette stradine di campagna. Potrebbe essere più adatto di dire, un Nissan Juke, ma anche quando il nuovo vero fuoristrada non è mai stato veramente nel mandato del RAV4.

È divertente pensare che alcune riviste chiamassero il RAV4 un'alternativa GTI nel corso della giornata, anche se questa era l'età del Golf Mk3 , quindi forse non era così lontano dal segno. Fino a quando altri marchi non hanno raccolto ciò che la Toyota stava mettendo giù, non c'erano rivali diretti di cui parlare; una Golf GTI era rilevante quanto una Jeep Wrangler. Nel 1995 un RAV4 GX 3dr (meglio equipaggiato di questo GS) costava £ 12.899, circa £ 700 in meno rispetto al GTI e molto meno di un Wrangler di base.

Ciò che è notevole è che guidare il RAV4 è ancora un'esperienza unica. Una Austin Montego non è nemmeno un divertimento da brivido al minuto, ma guidane una oggi ed è attraente semplicemente per essere diversa da qualsiasi cosa si trovi in ​​​​qualsiasi showroom. Con i primi RAV4 che si avvicinano ai trent'anni, le caratteristiche offerte, dal rumore e dalle vibrazioni alla visibilità e alla sensazione di tutti i punti di contatto, sono lontanissime dall'esperienza raffinata e silenziosa di un'auto moderna.


Ciò che ti offre anche il RAV4 a trazione integrale, così come il pratico abitacolo, la rassicurazione dello stemma Toyota e la generale facilità d'uso, è la possibilità di guidarlo tutto l'anno, con qualsiasi condizione atmosferica e per più o meno qualsiasi viaggio grande o piccolo.

Per alcuni questo fascino quotidiano può sminuire quella specialità delle auto d'epoca di rendere i viaggi su strada o le occasionali gite del fine settimana un raro piacere. Ma una delle gioie dei classici moderni, e soprattutto di quelli non eccezionali, è poterli usare giorno dopo giorno, senza tagliare pezzi dal valore trascurabile dell'auto o preoccuparsi troppo dello strano colpo di parcheggio o della bolla di ruggine.

Puoi trovare un primo RAV4 per solo un paio di mila, e avrà sicuramente alcune bolle di ruggine (anche se questo è pulito come vengono grazie a un restauro completo da parte dei proprietari della Toyota GB). Acquista in modo intelligente, tenendo d'occhio la cronologia del MOT, le prove dei cambi d'olio e trovane una che non sia stata usata troppo spesso fuori strada, ed è difficile sbagliare.

In effetti, è difficile pensare a un altro veicolo che possa svolgere il ruolo classico per tutto l'anno meglio della Toyota RAV4. Interessante da guardare, poco costoso da acquistare e gestire e un gioco da ragazzi da guidare, offre un'esperienza di auto d'epoca per certi versi con sensibilità per le auto moderne per altri. E come abbiamo scoperto al Festival of the Unexceptional, sta già attirando l'attenzione di molti nella comunità delle auto d'epoca...

_________________
ex 4Runner TD 1995
ex Hilux 3.0 d4d 2011
ex Discovery 1991
Torna in alto Andare in basso
http://www.teamtoyota4x4.org
 
RAV4 1a serie - interessante articolo
Visualizza l'argomento precedente Visualizza l'argomento successivo Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ponte posteriore rav4 prima serie
» Tagliando km 200000 Rav4 II serie diesel
» Olio motore - RAV4 2.0 D-4D II Serie
» Iscrizione Asi Toyota Rav4 2°serie
» RAV4 PRIMA SERIE CINGHIA DISTRIBUZIONE

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
TEAMTOYOTA4X4 :: TT4x4 UNBREAKABLE :: RAV4-
Vai verso: